21 Marzo - Quinta domenica di Quaresima

Quaresima 2021 - Fratelli tutti: Verso la Pasqua


Guarda un po' qui Clicca qui

Liturgia della Parola

Prima Lettura

Dal libro del profeta Geremia

Ecco, verranno giorni – oracolo del Signore –, nei quali con la casa d’Israele e con la casa di Giuda concluderò un’alleanza nuova. Non sarà come l’alleanza che ho concluso con i loro padri, quando li presi per mano per farli uscire dalla terra d’Egitto, alleanza che essi hanno infranto, benché io fossi loro Signore. Oracolo del Signore.

Questa sarà l’alleanza che concluderò con la casa d’Israele dopo quei giorni – oracolo del Signore –: porrò la mia legge dentro di loro, la scriverò sul loro cuore. Allora io sarò il loro Dio ed essi saranno il mio popolo. Non dovranno più istruirsi l’un l’altro, dicendo: «Conoscete il Signore», perché tutti mi conosceranno, dal più piccolo al più grande – oracolo del Signore –, poiché io perdonerò la loro iniquità e non ricorderò più il loro peccato.

Ger 31,31-34

Salmo Responsoriale
RIT: Crea in me, o Dio, un cuore puro

Pietà di me, o Dio, nel tuo amore;
nella tua grande misericordia
cancella la mia iniquità.
Lavami tutto dalla mia colpa,
dal mio peccato rendimi puro

Crea in me, o Dio, un cuore puro,
rinnova in me uno spirito saldo.
Non scacciarmi dalla tua presenza
e non privarmi del tuo santo spirito.

Rendimi la gioia della tua salvezza,
sostienimi con uno spirito generoso.
Insegnerò ai ribelli le tue vie
e i peccatori a te ritorneranno.

Sal 50

Seconda Lettura

Dalla lettera agli Ebrei

Cristo, nei giorni della sua vita terrena, offrì preghiere e suppliche, con forti grida e lacrime, a Dio che poteva salvarlo da morte e, per il suo pieno abbandono a lui, venne esaudito.

Pur essendo Figlio, imparò l’obbedienza da ciò che patì e, reso perfetto, divenne causa di salvezza eterna per tutti coloro che gli obbediscono.

Seconda Lettura

Dalla lettera agli Ebrei

Cristo, nei giorni della sua vita terrena, offrì preghiere e suppliche, con forti grida e lacrime, a Dio che poteva salvarlo da morte e, per il suo pieno abbandono a lui, venne esaudito.

Pur essendo Figlio, imparò l’obbedienza da ciò che patì e, reso perfetto, divenne causa di salvezza eterna per tutti coloro che gli obbediscono.

Canto al Vangelo

Lode e onore a te, Signore Gesù!
Se uno mi vuole servire, mi segua, dice il Signore,
e dove sono io, là sarà anche il mio servitore.
Lode e onore a te, Signore Gesù!

Gv 12,26

Vangelo

Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, tra quelli che erano saliti per il culto durante la festa c’erano anche alcuni Greci. Questi si avvicinarono a Filippo, che era di Betsàida di Galilea, e gli domandarono: «Signore, vogliamo vedere Gesù».

Filippo andò a dirlo ad Andrea, e poi Andrea e Filippo andarono a dirlo a Gesù. Gesù rispose loro: «È venuta l’ora che il Figlio dell’uomo sia glorificato. In verità, in verità io vi dico: se il chicco di grano, caduto in terra, non muore, rimane solo; se invece muore, produce molto frutto. Chi ama la propria vita, la perde e chi odia la propria vita in questo mondo, la conserverà per la vita eterna. Se uno mi vuole servire, mi segua, e dove sono io, là sarà anche il mio servitore. Se uno serve me, il Padre lo onorerà. Adesso l’anima mia è turbata; che cosa dirò? Padre, salvami da quest’ora? Ma proprio per questo sono giunto a quest’ora! Padre, glorifica il tuo nome».

Venne allora una voce dal cielo: «L’ho glorificato e lo glorificherò ancora!».

La folla, che era presente e aveva udito, diceva che era stato un tuono. Altri dicevano: «Un angelo gli ha parlato». Disse Gesù: «Questa voce non è venuta per me, ma per voi. Ora è il giudizio di questo mondo; ora il principe di questo mondo sarà gettato fuori. E io, quando sarò innalzato da terra, attirerò tutti a me». Diceva questo per indicare di quale morte doveva morire.

Gv 12,20-33


Commento alla prima lettura...

... per bambini e ragazzi: audio

... per catechisti e genitori:

Nel percorso alla (ri)scoperta della relazione tra Dio e l’uomo, delle varie alleanze che si sono succedute nella storia (e già questa è una sorpresa: non ne sarebbe bastata una?), il profeta Geremia parla in un contesto di crisi e di problemi.

La questione

L’alleanza con Noè riguardava tutti gli uomini. Quella con Mosè, al Sinai, interessava gli ebrei: l’avrebbero rispettata? La storia umana risponde di no.
E gli ebrei che si vedevano tolta l’autonomia politica, il tempio, il sacerdozio, pensavano che Dio in effetti avesse sancito che era il momento di tirare le somme di quella alleanza... e che il risultato era negativo. Gli esseri umani erano stati incapaci di mantenere le condizioni (minime) di patto con Dio, per cui l’alleanza era fallita. Dio poteva rivalersi, in quanto non era stato lui a violarlo. Poteva castigare, offendersi e ritirarsi.
Che cosa dovrebbe, d’altronde? Perdonare ancora, potrebbe significare rimangiarsi la sua stessa parola, perdendo credibilità e affidabilità proprio perché incapace di sgridare. È il dilemma dei genitori: se si danno delle regole ai figli, in famiglia, non bisogna cedere, perché altrimenti si passa per burattini, delle banderuole inaffidabili e patetiche. Dio come sfuggirà a questo rischio?

La risposta

Può sembrare illogico. Dio decide di non sfuggirci. Non solo sceglie di non punire l’umanità, ma anzi di rilanciare con un’alleanza nuova. Educativamente, non sembra il miglior modello possibile. Ma questo perché, evidentemente, Dio ritiene di trovarsi davanti non a dei bambini, ma a degli adulti.
Di fronte al fallimento della storia, Dio decide di rilanciare, fidandosi di quella responsabilità e senso di umanità profonda che le sue creature in effetti non hanno dimostrato.
“Scriverò la mia legge nel loro cuore”, così che non dovranno più neppure esservi istruiti. Sceglie di trattarci senza regole, ma solo con l’istinto interiore, con l’intuizione di fondo, confidando che sapremo fare meglio che in passato. Di fronte al fallimento passato, Dio non ci concede di riprovare, ma alza la posta, scegliendo di fidarsi ancora di più.
Quasi fossimo profeti, troveremo l’intenzione divina nel profondo del nostro cuore. È più un sogno che un progetto. Ma Dio, con noi, ha stabilito di sognare in grande.

Il sottinteso

Un Dio che può essere conosciuto non dalla sua legge o insegnamento ma dal cuore umano comporta due sottintesi.
Intanto che l’uomo è in grado di sintonizzarsi con Dio. Il che, a sua volta, conferma una volta di più che Dio non è qualcosa che arrivi all’uomo dall’esterno, ma è la sua verità più autentica, la sua origine, il suo senso.
E poi, che se vorremo guardare pienamente a Dio, non potremo che guardare ad un uomo. Lo si dice in diversi modi nella Bibbia, anche nell’Antico Testamento. Il Nuovo Testamento non farà molta fatica a trovare la pienezza dell’umanità autentica in chi è autenticamente Dio, in Gesù.


Commmento al Vangelo

Nel brano del Vangelo Gesù entra nel deserto sospinto dallo Spirito Santo per trovare le risposte alle sue domande. Ma ecco che nella sua ricerca si trova a lottare con satana, contro il male. Come noi anche Gesù è chiamato a compiere scelte coraggiose, è chiamato a seguire in tutto la volontà del Padre. Gesù risponde al male con la Paola di Dio. Anche noi siamo chiamati a fare scelte e prendere decisioni e molte volte siamo tentati dal male. Per scegliere il bene è necessario rimanere in sintonia con il Vangelo nella certezza che Dio ci è accanto nelle scelte difficili e ci sostiene. Tocca a noi fidarci di Lui.


Proposte canti liturgici per bambini e ragazzi


Canto d'Ingresso

Titolo: Il Signore è la mia salvezza

Musica: A. Marani

Testo rielaborazione da Isaia 12

Spartito: spartito

In alternativa:
  • IL SIGNORE È LA MIA SALVEZZA A. Marani pdf video più info
  • SIGNORE, MOSTRAMI IL TUO VOLTO Di Simone, Liberto pdf audio
  • DONO DI GRAZIA J. Crüger - S. Albisetti pdf video
  • UN CUORE NUOVO Buttazzopdf video

Salmo Responsoriale

Titolo: Salmo 50

Autore musica: A. Parisi

Spartito: spartito spartito

Clicca qui per scaricare il salmo 50
In alternativa:
  • SALMO 50 A. Parisi salmista pdf audio più info
  • SALMO 50 - PIETÀ DI ME, O DIOpdf

Acclamazione al Vangelo

Titolo: Gloria a Te, parola vivente

Autore testo: Anna Maria Galliani

Autore Musica: Daniele Semprini

Fonte: album Parla Signorepdf

La sua seconda strofa (unica ad essere cantata) affidata al lettore richiama il messaggio del vangelo. L’acclamazione è affidata all’assemblea e al coro. Il canto sostituisce il canto al Vangelo.


In alternativa:
  • GLORIA A TE, PAROLA VIVENTE Anna Maria Galliani, musica di Daniele Semprinipdf video più info
  • LODE A TE O CRISTO! Gen Verde in È bello lodartipdf video
  • LODE E ONORE A TE, SIGNORE GESÙ G. M. Durighellopdf audio
  • GLORIA E LODE A TE, SIGNORE G. Libertopdf audio
  • LODE A TE O CRISTO M. Frisina in O croce nostra speranzapdf video

Offertorio

Titolo: Su questo altare

Musica: G. Ferrante

Testo P. Auricchio

Spartito: spartito spartito

Il canto accompagna il momento dell’offertorio con le medesime parole che il celebrante ripeterà durante la liturgia. La forma è quella classica della canzone (strofa/ritornello) in cui il ritornello è affidato all’assemblea. La linea melodica è semplice e si ripete sempre uguale , tuttavia non è monotona.

  • SU QUESTO ALTARE G. Ferrante - P. Auricchio spartito spartito video più info

Canto alla comunione

Titolo: Come chicco di grano

Autore: T. Leva

Fonte: Germoglio è il suo nome

Spartito: spartito

Il brano esalta il dono della presenza di Gesù, molto adatto per la celebrazione pasquale in particolare nella liturgia di oggi in cui il brano evangelico utilizza l’immagine e la vicenda del chicco che muore per permettere una nuova vita, rinnovata. È il passaggio pasquale dalla luce al buio, richiamato anche dal tema del cammino diocesano di questa domenica che ricorda le famiglie che chiedono il battesimo.
Dal punto di vista musicale, l’andamento meditativo ben si adatta al momento della comunione. Il testo esplicita bene il senso del Bene che germoglia solo se accudito in terra fertile.

Clicca qui per scaricare il pdf

In alternativa:
  • IL TUO AMORE È GRANDE Rinnovamento dello Spirito Santo pdf video audio più info
  • ANIMA CHRISTI pdf audio audio

Lasciando parlare l'arte

Premi sull'immagine

opera d'arte scelta da Tobia

Vincent Van Gogh, Seminatore al tramonto , 1888, olio su tela, Museo Kröller-Müller, Otterlo


Bambini


Ragazzi e giovani


Papa Francesco

clicca qui per vedere l'encicilica 'Fratelli Tutti' di Papa Francesco

Adulti


Canzoni e libri